In evidenza

GIANNI DEL SAVIO, NINA SIMONE, il piano, la voce e l’orgoglio nero, prefazione di Massimo Oldani, note e curiosità di Graziano Uliani, VoloLibero edizioni, vololiberoedizioni.it, 2016

nsimone4252

L’onore e la commozione di essere presente in questo libro: nei ringraziamenti e con il blog fornina.com.

GRAZIE A GIANNI

Fiori, fiori per Nina … NINA SIMONE


IN USCITA NEL GENNAIO 2017

Vai al sito della casa editrice

http://www.vololiberoedizioni.it/

nsimone4253


nsimone4247nsimone4248nsimone4249nsimone4250nsimone4251nsimone4252

NINA, testo e regia di Nicola Russo, con Sara Borsarelli, luci di Cristian Zucaro, video di Lorenzo Lupano, al Teatro ELFO PUCCINI, corso Buenos Aires 33, MILANO, 21 – 26 FEBBRAIO 2017

immagine scheda
SALA BAUSCH | 21 – 26 FEBBRAIO 2017
MAR-SAB: 19:30 / DOM: 15:30
NINA
testo e regia di Nicola Russo
scene e costumi Giovanni De Francesco
con Sara Borsarelli
luci Cristian Zucaro
video Lorenzo Lupano
produzione MONSTERA in collaborazione con Le Vie dei Festival e Radicondoli Festival
con il sostegno di NovaraJazz
foto di Paolo Benvenuto

È di nuovo una donna, un’artista della scena a ispirare il lavoro di Nicola Russo, ma questa volta il suo sguardo originale indaga la performance straordinaria di una musicista di fama mondiale.

Lo spettacolo ripercorre il concerto di Nina Simone al Montreux Jazz Festival del 1976. In scena il punto di vista della grande pianista e cantante nei cinquanta minuti della sua esibizione che ha segnato il suo ritorno alle scene, dopo alcuni anni passati in Africa lontano dallo show business.

Un monologo interpretato da Sara Borsarelli (affascinante Titania/Ippolita nel Sogno di una notte di mezza estate dell’Elfo), un flusso di pensiero che racconta in prima persona un momento della carriera della grande cantante e pianista e al tempo stesso diventa una riflessione sul teatro, sullo stare in scena, su quel nucleo di necessità che permette a un artista di raggiungere la qualità nel proprio lavoro.


Teatro Elfo Puccini
corso Buenos Aires 33
20124 Milano – tel. 02 00 66 06 06
biglietteria@elfo.org

i Podcast di LATITUDINE SOUL, con Luca Sapio e Luca Ward, Regia di Andrea CacciagranoRai Radio 1

Le grandi storie e i racconti dei personaggi, cantanti, produttori che hanno influenzato la black music dalle origini ai giorni nostri, raccontate con la voce inconfondibile di Luca Ward. Una sorta di enciclopedia della musica nera. I testi sono scritti da Luca Sapio, strumentista, giornalista e cantante, esperto di musica internazionale.

In ogni puntata sarà eseguito dal vivo un grande classico del soul, interpretato da Luca Sapio funzionale  alla narrazione e alla sceneggiatura della trasmissione.

Con Luca Sapio e Luca Ward
Regia di Andrea Cacciagrano

IN ONDA
DAL MARTEDÌ AL GIOVEDÌ ALLE 23.05, LA DOMENICA ALLE 8.30

Clicca qui per vedere la lista completa dei podcast!

Sorgente: Podcast Rai.TV – Latitudine Soul – Podcast

Nina Simone, Live a MONTREUX, 1976

nsimone4415

  1. Nina Simone – Stars (Live at Montreux 1976)

    • 2 anni fa
    • 147.412 visualizzazioni
    Nina Simone one of the great female vocalists of the 20th Century, made four appearances at the Montreux Festival between …
  2. Nina Simone – Live At Montreux 1976 Little Girl Blue

    • 5 anni fa
    • 71.248 visualizzazioni
    Nina Simone – Live at Montreux 1976.
  3. Nina Simone “Feelings” (Montreux Jazz Festival)

    • 9 anni fa
    • 2.799.497 visualizzazioni
    The definitive Live 10-minute video of Nina Simone’s “Feelings” live at Montreux Jazz Festival (1976) Find this DVD at: …
  4. Nina Simone – Backlash Blues (Live at Montreux 1976)

    • 2 anni fa
    • 26.603 visualizzazioni
    Nina Simone one of the great female vocalists of the 20th Century, made four appearances at the Montreux Festival between …
  5. nina simone-montreux 1976 – how it feels to be free

    • 8 anni fa
    • 910.929 visualizzazioni
    Nina Simone performing live How it feels to be free with piano improvisation.http://forbiddencities.blogspot.com.
  6. Nina Simone – feelings (1976) HQ

    • 5 anni fa
    • 2.411.776 visualizzazioni
    Nina Simone was one of the great female vocalists of the 20th Century. She was equall

Nina Simone canta WHEN I WAS IN MY PRIME

Ascolta anche tu.
Non c’è altro da dire

… forse solo: “Nina, ti amo

Vorrei poter morire ascoltando la tua voce e incontrarti nell’aldilà


When I was in my prime, I flourished like a vine.
Along there came a false young man, come stole the heart of mine.
Come stole the heart of mineThe gardener standing by, three offers he made me.
The pink, the violet, and red rose, which I refused all three.
Which I refused all three

The pink’s no flower at all, it fades away too soon.
The violet is too pale a bloom, I think I’ll wait till June
I think I’ll wait till June

In June the red rose blooms, but it`s not the flower for me.
It’s then I’ll uproot the red, red rose, and plant a willow tree.
And plant a willow tree

And the willow tree shall weep and the willow tree shall mourn.
How I wish I were in my young man’s arms who stole the heart of mine.
Who stole the heart of mine

And if I’m spared young year more, and if God should grant me grace.
I’ll weep a bowl of crystal tears, and wash his deceitful face.
And wash his deceitful face.


Quand’ero nel fiore degli anni, fiorivo come una pianta.
Un giovane ingannatore si avvicino’, venuto per rubare il mio cuore
Venuto a rubare il mio cuore

Mentre il giardiniere stava a guardare, lui mi fece tre offerte
La rosa rosa, quella viola e quella rossa, che tutte e tre io rifiutai.
Che tutte e tre io rifiutai.

Quella rosa non ha fiori, svanisce troppo presto.
Quella viola ha boccioli troppo pallidi, penso di aspettare fino a giugno
Penso di aspettare fino a giugno

A giugno quella rossa sboccia, ma non e’ il mio fiore.
Allora sradichero’ la rossa, rossa rosa e piantero’ un salice.
E piantero’ un salice.

E il salice piangera’ e il salice si lamentera’.
Come vorrei essere tra le braccia del mio giovane che mi ha rubato il cuore.
Che ha rubato il mio cuore

E se mi sara’ evitata un’altra giovane eta’, se Dio mi fara’ grazia.
Io piangero’ una coppa di cristallo di lacrime, e lavero’ il suo volto ingannatore.
E lavero’ il suo volto ingannatore.

Tradotta Da Valeria con l’aiuto di Angelo