NINA SIMONE: fiori, fiori per Nina, Nina Simone – Paolo Ferrario 27 febbraio 2008

Nina Simone ha realizzato solo capolavori ed appartiene ai “classici”.

Ogni sua interpretazione è come un’opera teatrale e artisticamente funziona come un dipinto. Le esecuzioni sono costruite come scene teatrali: inizia creando una situazione drammatica, poi comincia a raccontare una storia. Ma questa storia non te la racconta solo: no, non solo … vuole fartela sentire …. vuole farti entrare con il cuore … vuole farti piangere o ridere. L’intensità interpretativa rimane intatta ad ogni ascolto. E le volte successive accade la stessa cosa e ancora qualcosa di nuovo. Come dice Charles Aznavour: “Souvent le gens qui chantent du jazz chantent la musique. Nina Simone chantait le texte en meme temps que la musique”.

E poi i suoi canti ed il suo piano, ad un ascolto appassionato, possono essere “visti” come pennellate: nere, gialle, blu (molto blu), bianche …. Tutto questo lo fa con la voce, con le note del piano , con i tempi che mette fra le parole …. Davvero c’è qualcosa di magico in lei. Come racconta Sam Shepard in questo suo ricordo.

Anche le sue re-interpretazioni ( Billie Holiday; Jacques Brel, J.J. Walker, George Harrison, Randy Newman) sono una ri-creazione: diventano più belle. Nina prende in voce un ritornello, lo amplifica, lo tira ed espande da tutte le parti, lo rende indimenticabile. e quasi sempre infinitamente più bello di come lo ha cantato il suo creatore.

E poi la sua musica dura nel tempo. Tutte le mode musicali passano. Ma anche se il suo canto arriva dagli anni ’50, ’60, ’70, con lei il tempo sembra non passare. Tutto il resto diventa magari bella musica, ma datata. Mi capita di sentire Frank Sinatra, che tanto piaceva a mio padre. “The voice”, è vero. Ma musica e voce sono irrimediabilmente legate a quel periodo. E così anche per Nat King Cole. E sono due grandi cantanti,

In lei non trovo nè troverò nulla di datato. Insisto: Nina Simone appartiene ai classici. Vale per la sua musica quello che dice Italo Calvino dei libri:

“classici sono quei libri di cui si sente dire di solito: “Sto rileggendo…” e mai “Sto leggendo…” […] Si dicono classici quei libri che costituiscono una ricchezza per chi li ha letti e amati; ma costituiscono una ricchezza non minore per chi si riserba la fortuna di leggerli per la prima volta nelle condizioni migliori per gustarli. […] I classici sono libri che esercitano un’influenza particolare sia quando s’impongono come indimenticabili, sia quando si nascondono nelle pieghe della memoria mimetizzandosi da inconscio collettivo o individuale. […] D’un classico ogni rilettura è una lettura di scoperta come la prima. […] D’un classico ogni prima lettura è in realtà una rilettura. […] Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire. […] I classici sono quei libri che ci arrivano portando su di sé la traccia delle letture che hanno preceduto la nostra e dietro di sé la traccia che hanno lasciato nella cultura o nelle culture che hanno attraversato (o più semplicemente nel linguaggio o nel costume). […] Una classico è un’opera che provoca incessantemente un pulviscolo di discorsi critici su di sé, ma continuamente se li scrolla di dosso. […] I classici sono libri che quanto più si crede di conoscerli per sentito dire, tanto più quando si leggono davvero si trovano nuovi, inaspettati, inediti. […] Chiamasi classico un libro che si configura come equivalente dell’universo, al pari degli antichi talismani. […] Il “tuo” classico è quello che non può esserti indifferente e che ti serve per definire te stesso in rapporto e magari in contrasto con lui. […] Un classico è un libro che viene prima di altri classici, ma chi ha letto prima gli altri e poi legge quello, riconosce subito il suo posto nella genealogia. […] E’ classico ciò che tende a relegare l’attualità al rango di rumore di fondo, ma nello stesso tempo di questo rumore di fondo non può fare a meno. […] E’ classico ciò che persiste come rumore di fondo anche là dove l’attualità più incompatibile fa da padrona”

Le sue opere migliori risalgono, appunto, a quegli anni storici e quindi ai suoi 20-30-40 anni.

Un trentennio di creatività intellettuale e artistica consegnata all’eternità.

Mi sono chiesto come mai Nina Simone sia così sempre attuale e moderna. Credo dipenda dal fatto che per lei la musica è stata una missione ed un rapporto con il suo pubblico. Si sente che vuole comunicare (usando sentimento, pensiero, intuizione e sensazione, dosandoli come una alchimista) con le persone che la ascoltano: ci mette un impegno totale che finisce inevitabilmente per arrivare al cuore, alla testa, alla pancia.

Nina Simone ancora oggi ha in tutto il mondo migliaia persone che la ascoltano. E’ un mondo parallelo, un “regno” laterale di cui lei è la regina.

La mia ammirazione per lei è esagerata. Ma per lei l’esagerazione è poco.

Spero che possa piacere anche a te, caro lettore. Magari non subito, ma nel corso del tempo.

Nina Simone scava in profondità e migliora di ascolto in ascolto.

Un consiglio: ci vuole calma e interiorità per “sentirla”. E poi il lavoro, gli scontri quotidiani, il tempo che corre, la vecchiaia che è dietro l’angolo si compensano con la bellezza che lei ci ha consegnato.

Sorgente: Nina Simone: fiori, fiori per Nina, Nina Simone – Tracce e Sentieri

Autore: Paolo Ferrario

"… di tutte le cose è necessario dire che è impossibile che non siano, cioè è necessario affermare che tutte sono eterne" EMANUELE SEVERINO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...